Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Demografici

Tipologia: Uffici

  • Data di ultima modifica: 28.11.16

Telefono: 0833-514254
Fax: 0833-514241

Competenze

I Servizi Demografici e Statistica mirano in primo luogo alla corretta gestione in materia di anagrafe, stato civile, elettorale, leva e statistica, al fine di garantire il regolare svolgimento dell'attività lavorativa dei vari uffici. In tale ottica ogni Servizio, nell'ambito del programma di di competenza, ha la funzione di ottemperare ai seguenti adempimenti previsti dalle normative vigenti in materia:

registrazione e certificazione degli eventi più importanti della vita quali, la nascita, il matrimonio, la morte e la cittadinanza;gestione e raccolta dei dati anagrafici della popolazione residente (APR), nonché gestione e raccolta dati dei cittadini italiani che hanno fissato all'estero la loro residenza (AIRE);gestione del corpo elettorale nonché corretto e puntuale adempimento delle operazioni connesse alla consultazione elettorale;adempimenti statistici a carattere locale e nazionale, comprese le cadenzate operazioni censuarie;misure organizzative per l'applicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive di cui all'art. 15, della l. 12 novembre 2011, n. 183.

Misure organizzative per l'applicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive di cui all'art. 15, della L. 12 novembre 2011, n. 183

L'articolo 15 della Legge 12 novembre 2011 n. 183 – disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di Stabilità 2012) – ha introdotto sostanziali modifiche alla disciplina dei certificati e delle dichiarazioni sostitutive contenuta nel DPR n. 445/2000 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa), disponendo:

che le certificazioni contenenti fatti, stati o qualità personali mantengono la loro validità esclusivamente nei rapporti tra privati; conseguentemente, nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione e i gestori di pubblici servizi, i certificati sono sempre sostituiti da dichiarazioni sostitutive di certificazione o da atti di notorietà. A decorrere dal 1° gennaio 2012, pertanto, su tutti i certificati attestanti fatti, stati o qualità personali, viene riportata, pena nullità, la dicitura "il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi". La norma obbliga quindi le amministrazioni pubbliche a richiedere, per i procedimenti di loro competenza, esclusivamente la produzione di autocertificazioni per espressa previsione di legge (art. 40 t.u. 445/2000);l'obbligo a carico delle PP.AA. di procedere alle verifiche, anche a campione, e in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi, sulla veridicità di quanto autocertificato dal cittadino. A tal fine le Amministrazioni certificanti sono tenute ad individuare un Ufficio responsabile per tutte le attività volte a gestire, garantire e verificare la trasmissione dei dati o l'accesso diretto agli stessi da parte delle amministrazioni procedenti. L'ufficio in questione è altresì responsabile della predisposizione delle convenzioni per l'accesso ai dati di cui all'art. 58 del Codice dell'amministrazione digitale, approvato con decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 ( artt. 71, e 43 del DPR n. 445/2000);che le amministrazioni certificanti, per il tramite dell'ufficio di cui al punto precedente, individuano e rendono note, attraverso la pubblicazione sul proprio sito istituzionale, le misure organizzative adottate per l'efficiente, efficace e tempestiva acquisizione d'ufficio dei dati e per l'effettuazione dei controlli medesimi, nonché le modalità per la loro esecuzione. La mancata risposta alle richieste di controllo entro 30 giorni costituisce violazione dei doveri d'ufficio ed è presa in considerazione ai fini della misurazione e valutazione della performance individuale dei responsabili dei servizi. (art. 72 d.p.r. 445/2000).

Responsabili

  • Pagliarulo Stefano, Titolare di posizione organizzativa con funzione dirigenziale

Impiegati

  • Toma Carolina, Dipendente

  • Riso Fernando, Dipendente

Torna a inizio pagina